Conoscere Open City

Conoscere Open City

Avrete sentito usare anche voi l’espressione "open house": è un’abitudine nel mondo anglosassone quando un’agenzia immobiliare presenta una abitazione in vendita e permette ai potenziali acquirenti di visitarla, di solito nell’arco di un weekend.

In Italia, ormai, l’idea di "Open House" (maiuscole d’obbligo) è strettamente legata all’attività di un’associazione culturale che si è ispirata al lavoro del Fondo per l’Ambiente Italiano per declinare le proprie attività in ambito metropolitano. Il suo nome è Open City.

Cosa fa Open City

Dal 2010 in Italia, questa associazione culturale si appoggia a un network di appassionati volontari, fra i quali architetti, studenti universitari, storici, per far visitare luoghi poco noti della città nella quale si vive. Non parliamo di monumenti archeologici aperti in via eccezionale, ma di capolavori di architettura contemporanea, gallerie e laboratori d’arte, studi di designer o altri creativi.

Il cuore delle loro operazioni si chiama proprio, per riallacciarci all’inizio di questo post, "Open House", seguito dal nome delle città partecipanti: quasi trenta in tutto il mondo che per un weekend aprono le porte a luoghi di interesse storico normalmente chiusi ai cittadini.

Ci sono ville di design appartenute a personaggi famosi, archivi, esperimenti nell’ambito dell’edilizia e chi più ne ha, più ne metta: il tutto è gratis per i cittadini, a patto di riuscire a prenotare un posto per tempo (comprensibilmente, l’idea di accedere a luoghi esclusivi ha incontrato il favore anche di semplici curiosi).

Quanto costa Open City?

La generosità rimane di casa, a ogni modo: e Open City organizza anche visite virtuali, videoconferenze, podcast – sempre senza chiedere una lira.

Associarsi (il che ovviamente è a pagamento) a Open City non è obbligatorio per accedere agli eventi, a meno che non sia coinvolto un privato con richieste diverse (il proprietario di una struttura, una guida che chiede un rimborso…), nel qual caso abbiamo notato che il pubblico è molto più disponibile a "sborsare" se ha ricevuto già molto in cambio.

Un’idea da copiare, senz’altro, per chi oggi pensa di mettere su un’associazione culturale tutta sua e vuole, magari, muoversi in ambiti simili. Intanto consigliamo di imparare a conoscerli, magari con gli appuntamenti a distanza della serie "Viaggi nei paraggi".

Sullo stesso argomento

La Storia del Gioco Monopoly: Dalle Tavole ai Casinò Online
La Storia del Gioco Monopoly: Dalle Tavole ai Casinò Online

La Storia del Gioco Monopoly: Dalle Tavole ai Casinò Online

L'universo dei giochi da tavolo è costellato da classici intramontabili che hanno segnato intere...
Come aprire un’associazione culturale
Come aprire un’associazione culturale

Come aprire un’associazione culturale

I numeri dell’ISTAT parlano chiaro: anche nel momento peggiore della più recente recessione,...
Il caso emblematico di Retake
Il caso emblematico di Retake

Il caso emblematico di Retake

Fra le associazioni di volontariato che si occupano di progetti nelle comunità locali forse...
Per un uso etico delle vincite da casinò
Per un uso etico delle vincite da casinò

Per un uso etico delle vincite da casinò

Nel 2020, un uomo francese del quale si conosce solo il nome di battesimo, Guy, ha vinto ben 217...
L’idea che mancava: unire gambling e volontariato
L’idea che mancava: unire gambling e volontariato

L’idea che mancava: unire gambling e volontariato

La notizia è già circolata molto: il volontariato fa bene a mente e corpo ed è anche per questo...